L’arte del vetro a Murano

Per chi è alla ricerca di Lampadari Murano Outlet, la lettura di questo articolo è fondamentale  poiché spiega come il fascino del vetro di quest’isola ha conquistato il mondo.

Murano da secoli è l’isola del vetro soffiato. Questa arte non ha mai smesso di affascinare e ha visto generazioni di vetrai alternarsi.

La storia di Murano, così come la conosciamo oggi prende il via nel 1291 quando si stabilì che tutte le botteghe artigiane del vetro da Venezia si trasferissero qui. Questa decisione fu presa in quanto queste piccole botteghe generavano spesso incendi. Inoltre questa fu una decisione presa per controllare i vetrai che man mano acquisivano, grazie alla loro arte, notorietà in tutto il mondo.

Nel XV si palesò un’importante crisi per questa cittadina, che terminò solo con l’inizio della produzione dei cristalli di Boemia. Piano, piano, il vetro si iniziò ad utilizzare anche per la produzione di lampadari, ancora oggi molto apprezzati.

Se state cercando dei Lampadari Murano Outlet adesso sapete da dove parte la loro storia.

Lavorazioni del vetro di Murano

La lavorazione del vetro è molto delicata e pregiata. Partiamo dal presupposto che il vetro è formato da silice, che quando le temperature salgono diventa liquido. Durante il passaggio da stato solido a liquido il vetro diventa morbido per cui lavorabile. È in questa fase che il vetro si può lavorare e trasformare in un capolavoro.

Durante la lavorazione, i maestri vetrai, con l’esperienza che hanno accumulato aggiungono anche altri materiali che creano dei particolari effetti visivi. Uno dei materiali aggiunti più utilizzati è il sodio che rende la superficie opaca. Il nitrato e l’arsenico sono utilissimi per eliminare le bolle. A seconda della volontà del maestro vetraio e della sua arte creativa si aggiungono i colori.

Il vetro di Murano si distingue in due classi: prima lavorazione e seconda lavorazione. I prodotti di prima lavorazione sono quelli che utilizzano solo la materia prima e vengono modellati in speciali forni. Quelli di seconda lavorazione sono quelli che vengono modificate con le bacchette di vetro e hanno anche varie decorazioni.